Loading...

CULTURA, EVENTI, NATURA, VACANZE PER RAGAZZI, VIAGGI DI NOZZE, CROCIERE

Proposte di viaggio per ogni tua esigenza!

Itinerari: Deserti

Sulle sabbie del deserto come sulle acque degli oceani bisogna continuamente muoversi, e così lasciare che il vento, il vero padrone di queste immensità, cancelli ogni traccia del nostro passaggio, renda di nuovo le distese d’acqua o di sabbia, vergini e inviolate.
(A. Moravia)

Mongolia

maldive_istock-522470059

maldive_istock-96894302

Un viaggio nella purezza di una terra meravigliosa, immersa nella natura più intatta e nella spiritualità più profonda.

Il nome Mongolia evoca da sempre immagini esotiche: l’indomito condottiero Gengis Khan, le carovane di cammelli che attraversano il deserto del Gobi e i cavalli selvaggi che galoppano nelle steppe. Persino oggi la Mongolia sembra un luogo fuori dal mondo: non appena si esce da Ulaan Baatar, la moderna capitale, si ha l’impressione di essere catapultati in un altro secolo.
La Mongolia rimane una delle ultime destinazioni dell’Asia ancora in grado di riservare numerose avventure: attraversare le dune a dorso di cammello è un’esperienza unica, così come soggiornare nelle caratteristiche gher, le tipiche abitazioni dei nomadi mongoli. L’incontro con i nomadi incanta per la loro ospitalità in una realtà immutata da secoli, come le funzioni lamaiste, le cerimonie buddhiste e sciamaniche.
La Mongolia è una terra pura. La sua natura così selvaggia riporta indietro nel tempo per vivere emozioni dimenticate e riassaporare il valore di una vita semplice.
La stagione più adatta è di solito quella compresa tra maggio e i primi di ottobre. Ai primi di giugno nelle regioni settentrionali si svolge il Festival NaadamSettembre e ottobre sono i mesi migliori per visitare il deserto del Gobi.

Numero di giorni consigliati: 10

Cile

maldive_istock-522470059

maldive_istock-96894302

Luoghi che parlano di silenzio e di solitudine, di mistero e di storia antica. Una terra di estremi, tutta da scoprire.

Il Cile è una sottile e lunga striscia di terra tra l’Oceano Pacifico e le Ande che si estende dal Tropico del Capricorno fino alla Terra del Fuoco.
A nord si ergono imponenti vulcani e montagne che celano straordinari altopiani, suggestivi laghi salati e lagune colorate di blu intenso: San Pedro de Atacama, il Salar de Atacama, la Laguna Verde e la Laguna Colorata, i Geyser del Tatio.
Sulla costa i pendii delle Ande cedono il loro posto a sconfinati deserti, che si estendono fino al mare. Al centro si concentra gran parte della popolazione e nelle valli vengono coltivati i rinomati vini Cileni.
A sud, la regione dei laghi, caratterizzata da un susseguirsi di vulcani, laghi, fiordi e foreste, preannuncia la Patagonia cilena, celebre per le sue montagne granitiche e i suoi ghiacciai. E poi la misteriosa Isola di Pasqua, che custodisce i segreti di un’antica cultura dimenticata, e nasconde misteri che rimangono ancora inspiegabili ai giorni nostri.
I periodi migliori sono da ottobre ad aprile in Patagonia e da maggio a settembre nel nord. Ma il Cile, così come l’Isola di Pasqua, è incantevole tutto l’anno.

Numero di giorni consigliati: 8
Estensioni abbinabili: Isola di Pasqua, Argentina, Perù

Marocco

maldive_istock-522470059

maldive_istock-96894302

Un caleidoscopio di immagini multicolori e vorticose. Pietre che parlano, venti che cantano melodie lontane, carovane di mercanzie attraverso il deserto, uomini in caftani, dallo sguardo lontano, fuori dal tempo come i ricordi e le storie che raccontano.

Spiagge lunghe e dorate e cieli sempre azzurri, oasi lussureggianti e alte montagne dove fare trekking o sciare d’inverno. Il Marocco è una terra ricca di bellezze naturali e posti indimenticabili, affascinanti da visitare ed intriganti da esplorare: memorabili i paesaggi del deserto del Sahara e le catene montuose dell’Alto Atlante, Chefchaouen e Oregano. La costa marocchina ospita spettacolari villaggi di pescatori come Essaouira e spiagge incantevoli come Plage Quemada e Lallafatma.
Il Marocco, romantico e misterioso, è una delle destinazioni africane preferite da sempre.
Le principali attrazioni restano le città imperiali come Marrakech, Fez, Casablanca e Tangeri, ciascuna con la propria Medina, i bazar e le riads.
Fra suq e mercati, vicoli, palazzi e moschee, il Marocco è un mondo che pare immutato, nell’architettura e nello stile di vita, da com’era ai tempi in cui queste superbe città furono edificate.
I mesi a cavallo dell’estate – aprile/maggio e settembre/ottobre – sono ideali per visitare il nord del Paese; mentre per le città imperiali dell’entroterra meglio scegliere i mesi di marzo/aprile oppureottobre/novembre.

Numero di giorni consigliati: 8

Leave a Comment